Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Visite: 1611

A.D.R.

 

(Accord Europeen relatif au Transport International des Marchandises Dangereuses par Route)

E’ l’ Accordo europeo relativo al trasporto internazionale di merci pericolose su strada firmato a Ginevra il 30/09/1957 e ratificato in Italia con Legge del 12/08/1962, n° 1839. Per la guida dei veicoli di massa (anche inferiore a 3,5 t) adibiti al trasporto nazionale o internazionale di merci ( valido in tutti gli Stati firmatari dell’accordo ADR), classificate pericolose ai sensi dell’ADR, che superano i limiti di esenzione è obbligatorio il possesso del Certificato di Formazione Professionale (CFP).
Qualora il CFP non sia obbligatorio, il conducente, tuttavia, al pari di qualsiasi operatore che abbia a che fare col trasporto di merci pericolose, deve aver comunque ricevuto un'adeguata formazione.
È ammessa la circolazione in Italia con i CFP rilasciati da Stati esteri, anche extracomunitari, purché:

  • gli Stati siano contraenti dell'accordo ADR
  • il modello sia conforme a quello previsto dall'ADR
  • il documento sia in corso di validità.


I CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI PERICOLOSE:

  • Classe 1: Materie ed oggetti Esplosivi
  • Classe 2: Gas
  • Classe 3: Liquidi INFIAMMABILI
  • Classe 4.1: Solidi INFIAMMABILI
  • Classe 4.2: Materie soggette ad ACCENSIONE SPONTANEA
  • Classe 4.3: Materie che a contatto con l'acqua SVILUPPANO GAS INFIAMMABILI
  • Classe 5.1: Materie COMBURENTI
  • Classe 5.2: PEROSSIDI Organici
  • Classe 6.1: Materie TOSSICHE
  • Classe 7: Materie RADIOATTIVE
  • Classe 8: Materie CORROSIVE
  • Classe 9: Materie PERICOLOSE PER L'AMBIENTE


IL CERTIFICATO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE (CFP): 



 

E’ costituito da:

  • Una abilitazione Base per il trasporto in colli e alla rinfusa esclusi esplosivi e radioattivi;
  • Tre abilitazioni di Specializzazione alle quali si accede dopo aver sostenuto l’esame dell’Abilitazione Base con esito positivo ( gli esami possono essere svolti nello stesso giorno ).


Le specializzazioni sono: 

  • in cisterne
  • della classe 1 (esplosivi)
  • della classe 7 (radioattivi)


L’esame si svolge secondo le modalità descritte nello schema esposto:


 

CORSI:

I corsi per il conseguimento del CFP possono essere:

  • Corsi di rilascio
  • Corsi di aggiornamento

CORSI DI RILASCIO - Per poter partecipare ad un corso di rilascio il candidato:

  • non deve aver mai conseguito il CFP;
  • deve essere in possesso di un CFP scaduto o scadente entro 15 gg dalla data dell’ultima lezione del corso.

CORSI DI AGGIORNAMENTO - per poter partecipare ai corsi di aggiornamento

Il candidato deve aver già conseguito un CFP di cui si richiede il rinnovo; la scadenza dello stesso dovrà ricadere entro l’intervallo di tempo decorrente da 15 gg. a un anno dalla ultima lezione del corso. Il corso deve avere la durata minima dei moduli ( 45 minuti a modulo ) prevista dalla normativa cioè:

 





I corsi possono essere di solo rilascio o solo aggiornamento; qualora i corsi dovessero essere promiscui ovvero rilascio e aggiornamento contemporaneo i candidati che aggiorneranno il CFP dovranno frequentare il numero minimo di lezioni del rilascio e non quello dell’aggiornamento.

IN PARTICOLARE SI RICORDA CHE:

    • A. i moduli teorici avranno la durata minima di 45 minuti;
    • B.le esercitazioni pratiche verteranno su norme di pronto soccorso,
      veicoli/estintori/spegnimento incendi/incidenti e sono obbligatorie sia per i rilasci che per 
      gli aggiornamenti. Tali unità di insegnamento sono supplementari alle lezioni teoriche e 
      quindi non devono essere conteggiate nel numero minimo previsto sopra riportato;
    • C. alle esercitazioni pratiche dovrà essere presente anche il docente;
    • D. eventuali assenze da parte dei partecipanti alle esercitazioni pratiche non daranno diritto
      all’effettuazione dell’esame salvo quanto previsto al punto h);
    • E. NON si potranno svolgere più di 8 moduli ( 6 ore ) nella stessa giornata sia che si tratti di
      lezioni teoriche che pratiche;
    • F. la durata delle esercitazioni pratiche sia di aggiornamento che di rilascio dovrà essere in 
      rapporto al numero dei candidati;
    • G. sarà valutata la congruità dall’ufficio (si indica in 10 min. circa a candidato l’eventuale 
      conteggio del tempo necessario alle esercitazioni);
    • H. è ammesso che le esercitazione pratiche siano promiscue a più corsi organizzati dalla 
      stessa autoscuola/consorzio/ente. Tale eventualità dovrà però essere autorizzata a seguito 
      di esplicita richiesta;
    • I. qualora per motivi eccezionali un candidato risulti assente dovrà dimostrare l’eccezionalità 
      dell’evento ed eventuali giornate di recupero potranno essere autorizzate dall’Ufficio previa
      richiesta specifica almeno 5 giorni prima della lezione di recupero;
    • J.il limite massimo delle assenze non dovrà essere superiore allo schema di seguito riportato:




 

  • K.la durata dei corsi di aggiornamento deve essere di almeno due giorni per ogni singolo
    corso (base, cisterna, esplosivi, radioattivi);
  • L.il responsabile del corso, pur non essendo obbligato alla presenza effettiva alla singola
    lezione, garantisce il corretto svolgimento dello stesso, dalla fase iniziale a quella finale.
  • M.i corsi devono avere svolgimento sequenziale (Base + Specializzazioni) preferibilmente
    rispettando l’ordine degli argomenti previsti per la formazione dall’ADR.